Il progetto Biancamore, tra aneddoti di famiglia, intuizione e latte di bufala